Salta al contenuto principale
Tecnologia di stampa laser

Tecnologia laser (xerografia)

Nella stampa laser un raggio infrarosso viene modulato secondo la sequenza di pixel che deve essere impressa sul foglio per poi essere deflesso da uno specchio rotante su un tamburo fotosensibile elettrizzato che si scarica dove colpito dalla luce.

L’elettricità statica attira il toner, che viene trasferito sulla carta. Il foglio passa poi sotto un rullo fusore ad elevata temperatura, che fonde il toner facendolo aderire alla carta.

Diverse agenzie per l’ambiente e riviste specializzate hanno verificato che, durante la stampa, vengono rilasciate alcune polveri sottili e altre sostanze cancerogene come benzolo e stirolo, che sono contenuti nel toner.

Per questo vi consigliamo di tenere la stampante laser in ambienti aperti e ben arieggiati, o ancora meglio, in stanze separate dai luoghi di lavoro.

E' anche possibile usare degli appositi filtri da applicare alla stampante per catturare le emissioni di polveri sottili. Sono facilmente reperibili presso qualsiasi negozio di informatica o anche presso i nostri laboratori, la loro durata è di circa 70.000 stampe, ma vanno sostituiti almeno una volta l'anno.

La fase della rigenerazione delle cartucce laser:

  1. Raccolta delle scocche esauste, pulizia, controllo e selezione dei vuoti che non presentano danni che potrebbero inficiare la qualità di stampa. Le cartucce che non superano il primo test di qualità vengono avviate allo smaltimento presso aziende autorizzate.
  2. La scocca delle cartuccia toner viene disassemblata e privata delle componenti che si usurano durante il ciclo d’uso le quali verranno sostituite perché indispensabili per la stampa stessa. La qualità del prodotto rigenerato è determinata dalla sostituzione di tali componenti, e dalla qualità di questi ultimi.
  3. Le componenti usurate vengono raccolte e avviate a loro volta al riciclo presso altre aziende o se non è possibile riciclarle verranno smaltite presso piattaforme autorizzate.
  4. Re-assemblaggio della scocca e sostituzione del chip di lettura (nelle tipologie di toner per cui è previsto)
  5. Test di stampa e controllo qualità.
  6. Imballaggio e commercializzazione.